La Danza dei Sanguitò

Siamo in Benin, precisamente ad Abomey, città dove si cultua il Voudun Sapata, chiamato anche Omolù, e ci troviamo a sorridere della sincronia perfetta con la quale incontriamo “casualmente” la possibilità di assistere ad una festa molto speciale.
Fuori dal monastero, più di 30 musicisti con i loro tamburi rituali iniziano a suonare. Senza farsi aspettare, arrivano danzando i Sanguitò.

Sono spiriti guardiani, veri difensori del villaggio, grandi maschere di paglia che non lasciano intravedere nulla di quello che accade all’ interno, solo una voce arriva chiara quando si fermano a dare consigli, benedire, parlare (perché loro conoscono tutto di ogni individuo del villaggio) e poi all’ improvviso ripartono in piroette, salti e danze senza sosta.
Sono entità molto particolari, perché capaci di scomparire e riapparire quando lo desiderano e anche trasformarsi in altre forme.
Ne abbiamo avuto una dimostrazione, davanti ai nostri occhi.

Il Babalorisha chiama ogni entità che scompare e si trasforma in animale (granchi di acqua dolce, aquila, pitone, tartaruga); la maschera viene rovesciata svelando l’animale e mostrando l’interno vuoto.
Una volta che l’animale si manifesta viene bagnato con un particolare bagno di foglie con cui viene bagnata anche la maschera.
A questo punto il babalorisha richiama le entità che tornano a usare le maschere e ricominciano le danze e la festa prosegue.
Anche noi, con la benedizione e la protezione dei Sanguitò abbiamo proseguito il nostro viaggio, e continuiamo a farlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.