Cosa facciamo ora. Gli orisha sono Uno : unire ciò che sembra diviso

Oggi

Dopo anni in cui ho viaggiato per abitare ed ritrovare una cultura di riferimento, per riconoscermi in un credo, ed appartenere ad una eggregora, uno stile, una tradizione, mi sono fermato._MG_3878

Mi sono accorto che non serve andare tanto lontano. Mi sono anche accorto di avere tutto a disposizione esattamente dove sono.

Così ho iniziato ad unire quello che apparentemente è diviso dalla geografia, dalla cultura, dalla lingua.

Così succede che ho incontrato degli amici, oltre che dei sacerdoti di grande esperienza.

Siamo tutti interconessi

IMG-20150521-WA0017Così sono iniziati momenti di incontro cross culturali. Dove ognuno porta la propria conoscenza e tecnica.

Adesso in un solo pomeriggio ci può essere una capanna sudatoria che onora la tradizione Dakota, nella yurta un maestro di qui qong, che lavora sulla meditazione del fuoco, ed io che nello stesso giorno faccio una cerimonia per la semina per orisha Okò, entità dell’agricoltura e del principio della crescita. IMG-20150728-WA0003

Ci sono state cerimonie emozionanti quando assieme ad un responsabile del culto cubano, di quello brasiliano ed un Oluwo africano ci siamo guardati, per la prima volta, mentre cantavamo lo stesso canto e compivamo lo stesso gesto. Canto e gesto imparato in tre territori totalmente diversi geograficamente, nell’illusione della separazione.

Lo scopo

 Lo scopo è di riunire tutte le sue manifestazioni, di riunire le sponde di oceani ora distanziate da troppe chiusure, da secoli di paura, di dominazione, di imposizioni, di razzismo, di ignoranza, di persecuzioni, di indifferenza, di religioni.

_MG_3888Riunire le sponde di una diaspora che non è solo negra. Ma è la diaspora dello spirito del corpo, del sud dal Nord, dell’est dall’ovest.
Gli Orisha sono specchi che riflettono un unico raggio. Non ci sono reami né regni, non ci sono re, né corone, non ci sono limiti né patrie.
IMGA3389
Con questa visione, nessuno deve proteggere nulla, nessuno ruberà più i segreti di nessun altro, nessuno si chiuderà più nel proprio orto, perché dobbiamo creare un unico grande campo e coltivarlo tutti insieme.
_MG_3885
Il mondo è Uno
Immagino che il mondo che sia Uno, ritrovare quel codice anemico, primordiale, essenziale che può far parlare insieme anime ora distanti, solo perché all’interno di codici apparentemente diversi.
Lasciamo le nostre lingue per le lettere dell’alfabeto che le accomuna tutte.
Non ci chiederemo più dove hai imparato, ma cosa sai fare.
Il mondo è quello che raccontiamo
I nostri difensori sono gli Orisha, non abbiamo bisogno di guardiani, di sigilli, di lucchetti.IMAG1214
Uno spirito diverso, che non ha colori perché li prende tutti, che non abita a Cuba, che non abita in Africa, non in Brasile nè ad Haiti. Questo spirito non appartiene a nessuno, non c’è nessuna tradizione, nessun codice, nessuna iniziazione che arriva a carpirne il segreto più di un’altra. Tutto e adesso, quando prego per i miei antenati loro sono qui ora. La tradizione è adesso.
Adesso è il massimo momento di potere.
Ascoltare assieme il ribollire del sangue, il fremito della schiena, l’apparire dei segni, il tremore delle gambe ed accogliere in umiltà il messaggio divino incarnato._MG_3901
Invito a pregare come con le parole del cuore, per unirmi a chiunque voglia unirsi.

Okò

Storia, mitologia, significato e simboli di Okò, l’Orishà dell’agricoltura e della fertilità.

http://www.vetorial.net/~rakaama/o-orixaoko.html

Caratteristiche e qualità di Òsùmàrè 

Òsùmàrè  è l’Orisha dell’Arcobaleno e della trasformazione. E’ l’Orisha della divinazione, grande stregone, babalawo e guaritore. Ha doppia rappresentazione, sia come arcobaleno sia come uomo serpente. Porta tra le mani due serpenti di metallo giallo o bianco, rappresentano il lato maschile e il lato femminile, a seconda del cammino. Il suo saluto é: A Run Boboi!!!, che significa: Noi adoriamo l’intermediario!

Qualità Nago/Vodun:

Dan – Vodun conosciuto e adorato in Ketu con il nome di Òsùmàrè , è il serprente che partecipò alla creazione. Si tratta di una qualità benefica, legata alla pioggia, alla fertilità e all’abbondanza; mangia uova e olio di palma. Come un tipo umano, è generoso e anche spendaccione.

Vodun Dangbe – E ‘un Òsùmàrè  vecchio, sarebbe il padre di Dan; governa i movimenti delle stelle. Meno agitato di Dan, ha una grande intuizione e può essere un indovino esperto.

Vodun Bessem – si veste di bianco e porta una spada. Bessem è un guerriero generoso e nobile, ambizioso, un tipo combattivo di Òsùmàrè , meno superficiale di Dan. Aido Wedo è anche una qualità di Òsùmàrè .

Vodun Azaunodor – è il principe bianco che risiede in Baobá, connesso con gli ancestri; mangia frutta e “prende tutto di due.”

Vodun Frekuen – è il lato femminile di Òsùmàrè , rappresentato dal serpente più velenoso. Il lato maschile di Òsùmàrè  di solito è generalmente rappresentato dall’Arcobaleno.

L’ Orisha Òsùmàrè ha anche diversi altri nomi in Africa come in Brasile, e come accade per tutti gli altri Orisas, questi nomi fanno riferimento alle città, leggende o culti specifici di una determinata regione, e per questo ottengono le proprie peculiarità e costumi; alcuni di questi altri nomi sono: Akemin, Botibonan, Besserin, Dakemin, Bafun, Makor, Arrolo, Danbale, Akotokuen, Kaforidan, Danjikú, Aido Wedo, Foken, Darrame, Averecy, Akoledura e Bakilá. Osumare Araka è il nome di una delle più antiche case di Candomblé a Bahia, Axé Ilê Oxumaré Araka.

Fonte: http://segredoseencanto.blogspot.it/2012/12/qualidades-de-osumare_3.html?m=1